Storia

LA STORIA
Passeggiando per le vie tranquille di Ala si respira un’atmosfera particolare, dal sapore antico; ne parlano i palazzi signorili, le piazze, i cortili. Nel silenzio delle sue stradine dall’aria misteriosa si coglie il fascino di un passato ricco e prestigioso.

Ala ha da sempre rappresentato un territorio di transito, strategico sia dal punto di vista economico che militare, perché posto sulle più importanti vie di comunicazione tra Europa e Mediterraneo. Già per gli antichi Romani, infatti, rappresentava una stazione di posta per la sosta ed il cambio dei cavalli. La zona era abitata, già nei primi secoli dopo Cristo, da una popolazione germanica, a cui si riferisce forse la “Tabula Peutingeriana” (XII-XIII secolo) quando menziona un insediamento chiamato “Ad Palatium”.

Il nome ALA potrebbe derivare proprio da “un’ala” dell’esercito romano che si sarebbe qui stanziata o provenire da un antico tedesco “Hall”, ovvero magazzino o palazzo per merci.

Posizione GPS

Come arrivare

Il Medioevo

  • Di certo si sa che Ala venne nominata per la prima volta in un documento in periodo medievale. Come tutte le città dell’epoca, anche Ala si sviluppò secondo una pianta spontanea, non preordinata, seguendo la conformazione del terreno e le esigenze degli abitanti.

Dai Castelbarco alla Serenissima Repubblica di Venezia

  • Dal 1200 al 1400 Ala era ancora un piccolo borgo. Furono quelli anni oscuri e difficili per la popolazione: contrasti territoriali fra le famiglie feudatarie, eserciti che percorrevano la valle, nel 1301 venne incendiato l’abitato, nel 1348 una terribile pestilenza dimezzò la popolazione.

Dal baco da seta al velluto

  • Per opera dei Veneziani venne importato l’allevamento del baco da seta (i primi gelsi furono piantati nella località Caigole).

Svolta Economica

  • A partire dalla seconda metà del 1800 avvenne un rapido cambiamento nell'assetto economico, contrassegnato sia dalla crisi del settore della seta (a causa della concorrenza, della mancanza di capitali per il rimodernamento degli impianti, dalla malattia
    del baco da seta, ma soprattutto per scarsa lungimiranza ed antiquata capacità dell’imprenditoria locale), sia dall'emergere di nuove attività commerciali, legate alla
    costruzione della ferrovia del Brennero.

Lunedì, 04 Marzo 2013 - Ultima modifica: Martedì, 21 Marzo 2017

© 2017 Comune di Ala powered by ComunWEB con il supporto di OpenContent Scarl