Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie.

Informazionicookies
Seguici su
Cerca

Migliaia di persone per Città di Velluto

Città di Velluto ha alzato ancora l'asticella. L'asticella della qualità, con spettacoli sempre più ricercati e di alto livello, anche quelli collaterali; dell'organizzazione, e delle presenze. Migliaia di persone hanno partecipato alla manifestazione, tenutasi nello scorso weekend e riuscita alla perfezione.
Data di pubblicazione:

22 Luglio 2019

Licenza sconosciuta

Corpo

È difficile quantificare quante persone abbiano partecipato alla ventiduesima edizione di Città di Velluto, ma si è nell'ordine delle migliaia. La serata più partecipata è stata, come di consueto, quella di sabato: la città era stracolma, le auto dei visitatori erano parcheggiate finanche ai bordi della strada statale (cosa che induce l'amministrazione a ipotizzare ad un sistema di parcheggi anche più distanti dal centro per le prossime edizioni), le locande gestite da associazioni e volontari hanno lavorato a pieno ritmo.

Nella giornata di sabato gli Alpini del gruppo Sartori hanno distribuito 1070 primi piatti; 500 gli antipasti nella locanda distribuiti da Villalta in festa in piazza Buonacquisto. La locanda dei secondi, gestita dal Comitato maccheroni di Chizzola e dal Cas Ronchi, era stracolma. Tutti dati che portano gli organizzatori a stimare in 4/5 mila presenze solo nella giornata di sabato. Ma molte erano le persone presenti venerdì, con la piazza San Giovanni piena per ridere allo spettacolo di Raul Cremona, e anche domenica, per i balletti con i trampoli di Simurgh.

I piatti distribuiti da tutte le locande nei tre giorni sono stati in totale 8233. "Possiamo pensare a quasi 10 mila presenze in tutti e tre i giorni – dice il sindaco Claudio Soini – un grande successo". Il successo, più che dai numeri, è dato dalla riuscita complessiva dell'evento, a cura del Coordinamento teatrale trentino, con la direzione artistica di Riccardo Ricci, e la collaborazione dell'ufficio cultura.

La qualità è stata di alto livello, tanto da richiamare molti turisti dal vicino veronese e da regioni limitrofe. Si stima che circa il 70% del pubblico proveniente da fuori zona sia infatti giunto dalla provincia di Verona. Raul Cremona venerdì, il concerto dei Rondò Veneziano sabato (con una piazza colma anche negli angoli) e il finale di domenica con Simurgh sono stati tutti e tre eventi di grande richiamo. Definire di secondo piano gli altri spettacoli sarebbe però ingiusto: in particolare "La conversione di un cavallo", con la compagnia di Ludovica Rambelli e la rappresentazione dei quadri di Caravaggio, ha stupito tutti e le tre repliche di venerdì hanno riempito la chiesa di San Giovanni; l'adattamento di Romeo e Giulietta con il Teatro Stabile di Verona ha divertito e affascinato domenica sera. Insomma, ce n'era per tutti i gusti.

Per di più, Città di velluto è stata baciata dalla Dea fortuna, o forse dal dio che regola gli eventi atmosferici: si è aperta pochi minuti dopo la fine di un temporale che non ha inficiato alcunché, e poi per tre giorni il meteo è stato perfetto, fino ai bellissimi fuochi d'artificio conclusivi. Pochi minuti dopo l'ultimo botto, è iniziata la pioggia.

"Abbiamo alzato ulteriormente l'asticella: Città di Velluto è una degli eventi di maggior qualità del suo genere in Trentino, dove non ha eguali – commenta il sindaco Claudio Soini – ringrazio il Coordinamento teatrale, le associazioni, gli sponsor e tutti quelli che hanno collaborato e hanno reso speciali questi tre giorni".

Ulteriori informazioni

Licenza d'uso
Creative Commons CC0 1.0 Universal - Public Domain Dedication (CC0 1.0)

Ultima modifica:
30 Agosto 2019